Leucadense: la Via Francigena arriva a Leuca – Consigliato da RETE DEI CAMMINI e Speleotrekking Salento

Leucadense: la Via Francigena arriva a Leuca – Consigliato da RETE DEI CAMMINI e Speleotrekking Salento

640 427 Agnese Amato

Riccardo Rella, Presidente di Speleotrekking Salento, racconta il suo Cammino sulla Leucadense. “Anno dopo anno, dal 1997, poi ininterrottamente, dal 2004 ad oggi, l’eco del nostro pellegrinaggio ha superato i confini europei. L’Europa e l’Italia guardano sempre di più al Salento ed al Capo di Leuca, alla miracolosa Basilica de finibus terrae, alla Celeste Signora che vi alberga ma, anche, al vicino santuario preistorico della Grotta Porcinara.

E iniziammo per primi a concentrarci sulla Via Francigena da Brindisi fino a Leuca.

Tra l’altro, nel 2015, pellegrini dalla lontana Norvegia, dalla Germania, Francia ed uno dall’Australia, accomunati nel Pilgrims Crossing Borders (Pellegrini attraverso i confini) ripartiti da Roma per Brindisi, hanno voluto concludere il pellegrinaggio sul vero Terminale, a S.M. di Leuca compiacendosi per la nostra carica e per la calorosa accoglienza che alcuni Comuni salentini hanno loro riservato.

Il saluto di sindaci ed Istituzioni, la disponibilità di parroci e rettori, l’entusiasmo delle persone, la gioia nella “pizzica” ballata dai norvegesi con nostre danzatrici, le “pittule” fritte al momento…tutto esaltante!

Ci ripaga di tutto il nostro appassionato, lunghissimo e capillare lavoro, della coriacea determinazione nel riproporre il Cammino fidei, ormai, pellegrinaggio storico sempre più seguito da tante persone che ci vogliono bene, che ci attendono e ringraziano SpeleoTrekking per la spontanea e indistruttibile dedizione e per l’amore che s’irradia dalla Terra Salentina.

Ora, finalmente, il nostro progetto, con il graditissimo OK della Regione Puglia, ci affiancherà ai pellegrinaggi che convergeranno e termineranno a S.M. di Leuca de finibus terrae che, come amo ripetere da sempre, è TERMINALE e CONVERGENZA STORICO, GEOGRAFICO E SPIRITUALE DELLE VIE FRANCIGENE DEL SUD e d’EUROPA.

L’abbiamo da sempre desiderato: aumenteranno i flussi turistici da tutto il mondo così, come sta già avvenendo fin dall’inizio del “Trekking nel Salento”: “31 gennaio 1993” allorquando il nostro territorio era quasi letteralmente sconosciuto alle masse.

L’esperienza di Pilgrims Crossing Borders si è ripetuta a ritroso, nel 2016, quale autentica Via Romea. Tra il 4 settembre e il 9 ottobre 2016  (Giornata Nazionale dei Cammini), partiti dalla  Basilica  di S.M. di Leuca,  i pellegrini, dopo aver percorso  il Cammino per Leuca o Leucadense con SpeleoTrekkingSalento fino a Brindisi, hanno proseguito, col nostro Fernando Alemanno, portando fino a Piazza San Pietro, all’Angelus con Papa Francesco, l’immagine della Madonna di Leuca.

Si concretizza, oltretutto, un altro nostro sogno: “L’ASSE VIARIO DEL PELLEGRINO”:  dal  nord  Europa di Canterbury, per Roma, per Benevento e Brindisi fino a S.M di Leuca o viceversa. Leuca

ha tutte le carte in regola e lo ripeto da tanti anni, per essere considerata “TERMINALE e CONVERGENZA STORICO-GEOGRAFICO-SPIRITUALE delle VIE FRANCIGENE del SUD e D’EUROPA”.

Dopo l’avvio da Brindisi sulla Via Appia, seguendo, poi, la Traiana fino a Valesium, Il Cammino per Leuca si avvierà lungo la linea mediana messapico-salentina ricolma di testimonianze storiche e di preziosità Mariane. Gli antichi pellegrini preferivano procedere all’interno del territorio per sfuggire alle incursioni dal mare, lontani dalle paludi malariche che infestavano le coste e parallelamente, anche le vie militari romane. Il confluire sull’asse mediano facilita e agevola come da sempre, una fraterna, cristiana e rispettosa aggregazione con tutti i comuni limitrofi sia da Est che da Ovest.

Un grazie di cuore a tutti coloro i quali hanno sostenuto il nostro obiettivo.” 

 

CAMMINO PER LEUCA o Leucadense, lungo 146 km per 24 Comuni salentini.

Tappe:

1° Tappa: Madonna del Casale di Brindisi fino a Torchiarolo-km 27 ca.

2° Tappa: Torchiarolo – Lecce. Km. 22 ca.

3° Tappa: Cattedrale di Lecce  –  Madonna dell‘Assunta fino a Soleto. Km 25 ca.

4° Tappa:  Piazza S. Pietro di Galatina  – Supersano. Km 24 ca.

5° Tappa: cimitero di Supersano – Alessano. Km 26.

6° ed ultima Tappa: da piazza Don Tonino Bello di Alessano fino al SANTUARIO di S.M. di LEUCA de finibus terrae. Km 18 ca. In itinere: Madonna del Riposo, S. Marina di Ruggiano, S.M. del Belvedere o Leuca Piccola di Barbarano, S. Pietro in Giuliano, S. Giovanni delle Centopietre, infine la settecentesca ERMA ANTICA simbolo inequivocabile del Cammino per Leuca, Madonna della Nova di Castrignano del Capo, poi la Croce Pietrina e la Basilica Giubilare di Punta Mèliso, autenticamente de finibusterrae a 150 metri dal Mediterraneo che amo ripetere: TERMINALE e CONVERGENZA STORICO-GEOGRAFICO-SPIRITUALE delle VIE FRANCIGENE del SUD e D’ EUROPA.

 

Tutte le info su www.trekkingsalento.it