Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese: un racconto di territorio

Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese: un racconto di territorio

1024 574 Agnese Amato

Cosimo Chiffi, animatore della ciclovia dell’AQP, racconta come è  nato e cresciuto il progetto dal basso con un coordinamento di 65 associazioni locali, come è stata inserita tra le 10 grandi ciclovie nazionali. E di come adesso partita la progettazione, siano nate numerose difficoltà e obiezioni che il Coordinamento è impegnato a superare con tante azioni con gli Enti locali, le regioni e il MIT.

Il Coordinamento AQP fa parte dell’Alleanza Mobilità Dolce, che sostiene con decisione il magnifico progetto di ciclovia del mezzogiorno.

La Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese è un percorso cicloturistico ed insieme escursionistico di 500 km che segue il tracciato di due condotte storiche dell’acquedotto: il Canale Principale, da Caposele (AV) a Villa Castelli (BR), che in soli nove anni (1906-1915) riuscì a far arrivare l’acqua a Bari, ed il Grande Sifone Leccese, che dal punto terminale del primo giunge fino a Santa Maria di Leuca (LE), dove l’infrastruttura è celebrata con una cascata monumentale realizzata nel 1939 e recentemente restaurata. Si tratta un “itinerario narrativo” unico nel suo genere che attraversa tre regioni del Sud (Campania, Basilicata e Puglia), mettendo in collegamento alcuni dei luoghi più affascinanti e ancora poco valorizzati della penisola: Alta Irpina, Vulture Melfese, Alta Murgia, Valle d’Itria, Arneo ed entroterra del Salento.

Guarda la presentazione di Cosimo Chiffi sulla Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese cliccando qui

Se vuoi approfondire vai  al sito del Coordinamento dal Basso  http://www.aqp.bike/