AITR e AIGAE ascoltate sul futuro del turismo al Senato

AITR e AIGAE ascoltate sul futuro del turismo al Senato

341 148 Agnese Amato

Maurizio Davolio, presidente AITR e Davide Galli, presidente AIGAE (entrambe aderenti AMODO) sono stati ascoltati il 17 e 18 novembre dalla Commissione Industria e Turismo del Senato.  La Commissione ha avviato un ciclo di audizioni sul tema “I sistemi di sostegno e di promozione dei servizi turistici e le filiere produttive associate alla valorizzazione del territorio”.

AITR  ho sottolineato come ” la pandemia, che ha costretto gli Italiani a trascorrere le proprie vacanze e a viaggiare all’interno del nostro paese o tutt’al più in paesi limitrofi, abbia prodotto un significativo orientamento nelle scelte verso destinazioni interne, montane e rurali; abbia favorito forme di vacanza sane e attive, basate sulle pratiche outdoor, sul cammino, il trekking, la bicicletta; abbia avvicinato alle bellezze della natura, nei Parchi o in altri territori di pregio naturalistico; abbia fatto scoprire località “minori”, borghi, villaggi.

AITR da sempre insiste sull’opportunità di scoprire e valorizzare queste destinazioni, che sono meno conosciute rispetto alle famose città d’arte, ma che propongono una grande ricchezza culturale, artistica e umana, spesso in un contesto di autenticità, di tradizione, di tipicità che riguarda le produzioni agroalimentari, la cucina, l’artigianato, gli eventi culturali.
Per questo noi proponiamo che le politiche turistiche, nazionali e regionali, favoriscano questa tipologia di turismo sia attraverso il sostegno alle tante iniziative in atto (Cammini, ciclovie, recupero di linee ferroviarie dismesse, ferrociclo ecc.), sia attraverso la promozione.”

Per leggere il documento e le proposte presentate da AITR guarda al link http://www.senato.it/application/xmanager/projects/leg18/attachments/documento_evento_procedura_commissione/files/000/226/201/2020_11_17_AITR.pdf

Per seguire l’intervento di Maurizio davolio presidente AITR vai al link http://webtv.senato.it/4621?video_evento=135101

AIGAE nella sua audizione ha sottolineato come “negli ultimi 25 anni abbiamo assistito a un profondo cambiamento del panorama turistico, ambientale e culturale italiano. Componenti sociali, economiche politiche nazionali e internazionali hanno fatto sì che la richiesta di turismo, prevalentemente orientata a un aspetto ludico e di evasione, si sia indirizzata sempre più su temi, valori, aspetti e località nuovi, più “vicini” alla vita quotidiana del cittadino, più tradizionali e più legati al “sentire comune”. La natura, l’ambiente, la cultura (intesa anche come il riappropriarsi di ambienti, tradizioni, luoghi e valori dimenticati) sono diventati la colonna portante di un “nuovo” turismo: l’ecoturismo e il turismo culturale, con una crescita costante che negli ultimi 5 anni ha registrato un trend mai inferiore al 4%. Dal 1992 AIGAE rappresenta infatti chi per attività professionale accompagna in sicurezza, a piedi o con altro mezzo di locomozione non a motore, persone singole o gruppi in ambienti naturali, anche innevati, assicurando la necessaria assistenza tecnica e svolgendo attività di didattica, educazione, interpretazione e divulgazione ambientale ed educazione alla sostenibilità. Con esclusione delle attività alpinistiche, regolate da specifiche norme. Vere e proprie “guide della natura” quindi, nella complessità e ricchezza del territorio italiano, dagli ambienti acquatici, alle pianure, colline, montagne. Con particolare attenzione ai parchi e alle riserve naturali.”

Per seguire tutto l’intervento di AIGAE vai al link del documento

http://www.senato.it/application/xmanager/projects/leg18/attachments/documento_evento_procedura_commissione/files/000/228/001/2020_11_18_AIGAE_testo_intervento.pdf

Qui trovi le proposte avanzate da AIGAE http://www.senato.it/application/xmanager/projects/leg18/attachments/documento_evento_procedura_commissione/files/000/228/101/2020_11_18_AIGAE_proposte.pdf

Per seguire tutti i lavori dell’indagine della X Commissione sul turismo vai alla pagina http://www.senato.it/leg/18/BGT/Schede/docnonleg/39763.htm